D.O.S.E.

DOSETECA

Carichiamiamoci

Lo sapete che tutti noi generiamo campi elettrici? E che il nostro cuore genera un campo elettromagnetico 5000 volte più potente di quello del cervello? E che le cariche elettriche in natura sono proprietà fondamentali della materia? Chi lo sa, legga sotto per sapere di meno. Chi non lo sa, legga sotto per sapere di più.

La materia, nel mondo fisico e in natura, è organizzata in molecole, a loro volta organizzate in atomi, che sono organizzati in Protoni, Elettroni e Neutroni. Insomma, una gran bella Organizzazione!

I protoni sono particelle subatomiche con carica positiva, gli elettroni con carica negativa, i neutroni con carica neutra.

Fin qua ci siete?

O ci fate?

Ebbene, dalla mia esperienza di “Fisico” asciutto, posso asserire che esiste la persona-protone, la persona-elettrone, la persona-neutrone, e la quarta che finisce sempre in -one ma che non tratteremo in questo articolo perché ci vorrebbe un capitolo a parte.

Nasciamo tutti Protoni, con carica positiva annessa. I bambini sono dotati naturalmente di tale carica, alcuni ne hanno anche in sovrabbondanza tant’è che da lì nasce la frase: “Ma quando ti scarichi, bello di mamma?”

Poi si cresce, si diventa “adulti” e accade qualcosa che può trasformare alcune di queste particelle in elettroni e neutroni.

Alcuni protoni possono perdere la carica positiva per lassi di tempo più o meno lunghi e diventano elettroni. Inondano, allora, la propria vita e quella altrui di energia negativa, lamentele, recriminazioni, critiche sterili, creando interazioni e comunicazioni poco costruttive e poco funzionali.

I neutroni, invece, restano con quell’ atteggiamento tipico del “né carne né pesce”, “senza infamia e senza lode”, “scegli tu che a me va bene tutto”, “campa che ti passa”.

Ora, chi resta Protone, chi vive da Protone, chi si prende cura della propria “protonità” e ne ha una D.O.S.E. sufficiente per se stesso, ha il diritto-dovere di portare la propria carica positiva in ogni ambiente, personale e professionale, e provare a “cedere” parte del proprio segno “+” per aiutare Elettroni (-) e Neutroni (n) a modificare il proprio stato.

E come si fa?

Leadership, empowerment, personal growth, self efficacy, self control, self concept, si selfie chi può: potrei tirare giù tutti i super “paroloni” che sono oggi di moda e fanno tanto “cool” ma resto umile e mi limito a ricordare i passi base della “danza delle relazioni”:

una parola detta nel modo giusto e nel momento giusto, una pacca sulla spalla, un regalo inaspettato, un guardarsi negli occhi per più di 5 secondi, un guardare il cellulare per meno di 5 secondi, un abbraccio, una carezza, un abbraccio e una carezza insieme, un sorriso…

Adesso qualcuno che crede di essere Protone, potrebbe osservare: “ma se io cedessi la mia carica quotidianamente, a lungo andare mi stancherei e perderei la mia positività”.

La vera magia dell Energia “protonica” risiede proprio nel fatto che, aiutando a cambiare il segno negativo a persone, situazioni, ambienti, fatti, discorsi, la carica positiva che ne scaturisce è di portata nettamente superiore rispetto a quella che si è impiegata e ritorna indietro raddoppiata. Provate ad immaginare, per esempio, un ambiente professionale che col vostro contributo migliora e si illumina: sicuramente tutti, voi compresi, ne trarrete un enorme beneficio in termini di qualità delle relazioni, di efficienza, di aumento della creatività e produttività. Per non parlare dell’incidenza stratosferica sullo stato di salute mentale e fisico.

E, a proposito di tutto ciò, vi ricordate il principio di zio Archimede da Siracusa?

“UN CORPO IMMERSO IN UN LIQUIDO RICEVE UNA SPINTA VERTICALE DAL BASSO VERSO L’ ALTO, UGUALE, AL PESO DEL LIQUIDO SPOSTATO”.

Se volessimo prenderci una licenza “fisicamente e chimicamente” poetica, potremmo trasformarlo in:

“UN CORPO “scarico” IMMERSO IN UN LIQUIDO (ambiente) “energizzante” RICEVE UNA SPINTA “Motivazionale” DAL BASSO VERSO L’ ALTO, UGUALE, come minimo, AL PESO DEL LIQUIDO SPOSTATO.

E allora, cari Protoni: ALLA CARICA!!!!!!!!!

 

 

Ambrogio Scognamiglio 

Ideatore & Formatore D.O.S.E. ®

Docente, Coach, Clowndottore

Riproduzione riservata Ⓒ

Articoli

D.O.S.E. Intervista a Walter Allievi

D.O.S.E. Intervista: 4 Domande x 4 Neurotrasmettitori del Benessere
 Chi …

Articoli

Comuni-Care o S-comunicare

Nel libro “Intelligenza Emotiva”, Daniel Goleman ha sottolineato come la …

Articoli

D.O.S.E. intervista alla Dottoressa Rossana Previdi

D.O.S.E. Intervista: 4 Domande x 4 Neurotrasmettitori del Benessere Chi …

Torna su